Home CineModapp A casa tutti bene: personaggi-stereotipo o c’è di più?

A casa tutti bene: personaggi-stereotipo o c’è di più?

7 min lettura
Commenti disabilitati su A casa tutti bene: personaggi-stereotipo o c’è di più?
2
193

A casa tutti bene è il nuovo film di Gabriele Muccino, uscito nelle sale il 14 febbraio

Dopo la confusione iniziale per capire il grado di parentela di tutti i personaggi, il film si è rivelato molto piacevole. Facilmente identificabile in molte famiglie italiane, tra litigi, segreti e gelosie. I personaggi si mettono a nudo, uno ad uno, con le loro debolezze. Diventa così molto coinvolgente e veritiero, riflettendo una realtà che si può sperimentare quotidianamente nel rapporto di coppia e tra parenti.

Ma andiamo al focus centrale: i costumi. I costumi del film A casa tutti bene rispecchiano gli stereotipi dei personaggi o hanno qualche sottile sfumatura in più? Spoiler alert! Vi parlo un po’ della trama ma non preoccupatevi, non vi rovino la sorpresa.

A CASA TUTTI BENE: PERSONAGGI E COSTUMI

La riunione di famiglia avviene per festeggiare i 50 anni di matrimonio dei nonni Alba e Pietro (Stefania Sandrelli e Ivano Marescotti) nella bella isola di Ischia. Si radunano quindi i tre figli (interpretati da Stefano Accorsi, Pierfrancesco Favino e Sabrina Impacciatore) con i rispettivi compagni e altrettanti figli al seguito. Non mancano anche cugini, zii, ex fidanzate e una nuova ragazza incinta a movimentare la situazione. Sbarcano tutti insieme dal traghetto e, dopo la cerimonia e il pranzo, sono pronti a ripartire. Purtroppo una mareggiata li costringe a rimanere sull’isola e questo crea una serie di problemi fra tutti i personaggi-parenti, facendo emergere antiche incomprensioni e battibecchi.

Il fatto che A casa tutti bene sia ambientato ai giorni nostri deve trasparire ovviamente anche nell’abbigliamento. E’ interessante osservare come i costumi rivelino delle caratteristiche un po’ stereotipate del carattere di ognuno. I costumi, infatti, sono una parte fondamentale della comunicazione non verbale di un film. Analizziamo insieme alcuni dei personaggi:

SARA – Sabrina Impacciatore

Sara è una delle figlie dei coniugi Alba e Pietro e lavora nel ristorante di famiglia. Donna passionale e molto innamorata del marito fedifrago, la vediamo sempre ben vestita con abiti a tubino e tacchi alti. Si percepiscono delle fragilità che lei cerca di nascondere con il suo modo di fare. Romantica e un po’ illusa, rispecchia in parte lo stereotipo della bella moglie che finge di non sapere che il marito non la ama più. Fa di tutto per presentarsi al meglio sperando che lui si accorga di nuovo di lei.

ELETTRA – Valeria Solarino

Elettra è l’ex moglie di Carlo, altro figlio di Alba e Pietro. Condividono una figlia per cui l’invito ai festeggiamenti è stato esteso anche a lei. Soffre delle gelosie della nuova compagna di Carlo (Ginevra, interpretata da Carolina Crescentini) che non perde occasione per attaccarla e fare scenate. Elettra è lo stereotipo della donna in carriera che non ha bisogno di un uomo accanto. Questo fa trasparire, in realtà, il suo bisogno di essere amata, nonostante la corazza che si è costruita dopo la fine del matrimonio con Carlo. La vediamo sempre vestita in modo molto composto e un po’ maschile, con camicia bianca, pantaloni a palazzo a vita alta e giacca scura.

LUANA – Giulia Michelini

Luana è la fidanzata di Riccardo, nipote di Alba e Pietro. Lei si presenta incinta con un mini abito in pizzo semi trasparente e tacchi alti. E’ lo stereotipo della donna un po’ coatta, appariscente e con poco buon gusto nel vestire. Accompagnano il tutto orecchini a cerchio e capelli gonfi. Il personaggio di Luana, tuttavia, si rivela essere molto sensibile e umano, nonostante le apparenze fuorvianti. Il che ci fa pensare che non dovremmo mai giudicare dalle apparenze.

ISABELLA – Elena Cucci

Isabella è la nipote di Pietro, fratellastro del suo defunto padre. Eterna bambina, ingenua e perdutamente innamorata di Paolo, terzo figlio di Pietro. Si fa subito travolgere dal sentimento, tanto da perdere completamente la testa. L’abbigliamento è iper femminile con un abito svasato a stampa floreale e sandali con laccio alla caviglia. Look da brava ragazza che nasconde un po’ la sua vera identità. Disperatamente in cerca dell’amore vero, perde un po’ di vista le priorità della vita da mamma.

Non perdetevi questa sorprendente commedia drammatica italiana. A casa tutti bene vanta un cast di successo e riflette con semplicità le relazioni umane e la vita di tutti i giorni, in cui anche voi potrete riconoscervi.

Al prossimo appuntamento con CineModApp!

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Marta Zamparutti
Altri articoli in CineModapp
Commenti chiusi.

Leggi anche

The Dressmaker: per sapersi vendicare serve stoffa

The Dressmaker – ll Diavolo è tornato è un film del 2015 diretto da Jocelyn Moorhous…